Stanchezza e cambio di stagione

Con il cambio di stagione può capitare di sentirsi particolarmente stanchi. In primavera, in particolare, ciò succede a causa del fatto che il nostro organismo non ha ancora avuto il tempo necessario di prepararsi con gradualità al cambiamento del clima, all’ora legale e alle giornate in generale più lunghe. I sintomi più comuni in questo periodo sono stanchezza, spossatezza, sbalzi d’umore, mal di testa, sonnolenza, fatica a concentrarsi. In questo periodo è particolarmente importante focalizzarsi sulla propria condizione generale, effettuando analisi del sangue, delle urine e tutti i check-up necessari. In caso di fattori di rischio evidenti (familiarità, sovrappeso, tabagismo, abuso di alcolici, sedentarietà), è importante monitorare il cuore con un ECG sotto sforzo. Importante è anche un controllo dermatologico dei nei.

Anche la pressione arteriosa deve essere monitorata: se alta, il medico potrebbe richiedere un ECG a riposo o sotto sforzo, o l’ecocardiocolordoppler. In aggiunta ai check-up precedenti, è bene auto-analizzare i nei ed eventuali macchie cutanee, e consultare il dermatologo in caso di modifiche nell’aspetto o comparsa di nuovi nei. In caso di familiarità con il tumore del colon-retto, una colonscopia o la ricerca del sangue occulto nelle feci va anticipata, anche se è tra i 50 e i 60 anni che questa patologia aumenta la sua incidenza.