Cos’è l’aterosclerosi?

L’aterosclerosi è una malattia cronica e progressiva che colpisce i vasi sanguigni sviluppandosi silenziosamente nel corso degli anni, per poi manifestarsi in persone in età adulta e in età avanzata. Come per altre patologie che riguardano l’apparato cardiocircolatorio, sono molti gli accorgimenti che possiamo adottare per prevenirne l’insorgenza ed evitarne le complicanze, che possono talora essere anche serie. Aterosclerosi e arteriosclerosi, anche se in genere sono utilizzati come sinonimi, hanno diversi significati: con il termine “arteriosclerosi” si identificano tutte le forme di indurimento, ispessimento e perdita di elasticità della parete arteriosa, tra le quali l’aterosclerosi, che è la forma più comune e clinicamente rilevante.

L’aterosclerosi è una malattia caratterizzata dalla presenza di placche disomogenee (ateromi) che invadono il lume delle arterie di medio e grosso calibro depositandosi sulla loro superficie interna. Le placche sono costituite da lipidi circolanti (colesterolo), cellule infiammatorie e muscolari, e dalla proliferazione di tessuto connettivo che, naturalmente presente nel corpo umano, svolge normalmente una funzione di sostegno degli altri tessuti. I sintomi dell’aterosclerosi compaiono quando la crescita o la rottura della placca ostruisce il vaso o riduce il flusso sanguigno al suo interno; i sintomi variano a seconda della sede e del calibro dell’arteria interessata.